L’Ad di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina: nel 2019 crescerà almeno dell’1%, Italia solida

L’Ad di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina: nel 2019 crescerà almeno dell’1%, Italia solida

6 novembre 2018 0 Di redazione

Milano, 6 nov. (askanews) – “Secondo Intesa Sanpaolo 150 punti base è livello giusto dello Spread Btp-Bund”. Lo ha affermato l’Ad di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, nella conference call sui risultati dei primi 9 mesi 2019 della banca, che prevede una crescita del Pil italiano nel 2019 “almeno” dell’1%.”Io – ha affermato – non vedo alcuna possibilità del nostro Paese di avere un Pil che nel 2019 cresca al di sotto dell’1%. La nostra aspettativa, analizzando l’economia reale è che il Pil continui a crescere dell’1% nel 2019″.”Questa – ha affermato Messina – è la vera situazione dell’Italia per Intesa Sanpaolo, se poi altri analisti vogliono fare altri stress test in aggiunta a quelli dell’Eba, possono fare i loro esercizi. Ma questo livello di Spread non è corretto, perchè i fondamentali del Paese sono molto solidi, molto più correlati a uno Spread di 150 punti base che non di 300 punti base”.”Purtroppo – ha considerato L’Ad di Intesa Sanpaolo – le valutazioni sembrano riflettere uno scenario da fine del mondo. Io sono l’Ad della banca e il mio compito è creare valore per le persone della banca, per i clienti, gli azionisti e la comunità e il mio dovere è parlare della realtà, non di percezioni o di scenari da fine del mondo. Se vogliamo vedere l’Armageddon andiamo al cinema”.”Italia – ha concluso Messina – è molto simile al Giappone, non è come la Cina. Noi avremo una crescita del Pil dell’1% per pura inerzia. Magari ci potrà essere un upside dalla manovra finanziaria fino all’1,5-2%, io non voglio entrare in queste considerazioni, ma di sicuro avremo +1% del Pil. Di sicuro l’Italia non sarà finita nei prossimi mesi solo perchè gli analisti hanno in mente questo scenario da fine del mondo”. notizie.tiscali.it