Inchiesta sulle nomine in Comune, Virginia Raggi assolta

Inchiesta sulle nomine in Comune, Virginia Raggi assolta

10 novembre 2018 0 Di redazione

Dopo l’assoluzione, il sindaco piange e abbraccia il marito: “Spazzati via due anni di fango, vado avanti a testa alta”. Ma il pm la avverte: “Siamo pronti a fare ricorso”

“Il fatto non costituisce reato”Virginia Raggi è stata assolta dall’accusa di falso in relazione alla nomina di Renato Marra.

Alla lettura della sentenza la sindaca grillina, visibilmente commossa per l’esito del processo, ha abbracciato i tre legali, baciato il marito e stretto le mani al pm Francesco Dall’Olio e al giudice Roberto Ranazzi. “La procura di Roma farà ricorso in appello soltanto dopo la lettura delle motivazioni”, ha già fatto sapere la pubblica accusa che ieri aveva chiesto la condanna a dieci mesi di reclusione.

“Questa sentenza spazza via due anni di fango. Andiamo avanti a testa alta per Roma, la mia amata città e per i nostri cittadini”. Le mani al viso, il pianto liberatorio e il lungo abbraccio ai legali e al marito. La Raggi ha accolto la sentenza di assoluzione dall’accusa di falso con visibile commozione.