Libia, stretta di mano Haftar-Sarraj Conte: “L’Italia farà la sua parte”

Libia, stretta di mano Haftar-Sarraj Conte: “L’Italia farà la sua parte”

13 novembre 2018 0 Di redazione

La Turchia lascia il summit in anticipo: “Delusi”

“Voglio ringraziare l’Italia e il suo presidente del Consiglio per aver organizzato questa Conferenza, che è stata un successo”, ha detto l’inviato Onu per la Libia Ghassam Salamè aprendo la conferenza stampa finale a Palermo al fianco del premier Giuseppe Conte. “Palermo resta una pietra miliare” del processo politico in Libia, ha aggiunto. ‘C’è stato un impegno serio da parte dei libici presenti. Mi sento più tranquillo’, ha detto ancora Salamè.

“Lasciamo Palermo portando con noi il sentimento di fiducia” – ha spiegato il premier Giuseppe Conte – per aver dato “una prospettiva di stabilizzazione” della Libia. “Non dobbiamo illuderci, ma sono state poste premesse importanti di questo cammino”. “Mi è dispiaciuto che la delegazione turca si sia allontanata. Ma nel loro comunicato non ce l’hanno affatto con l’Italia” e in ogni caso quanto successo “non altera il clima positivo di questo incontro”. Per il premier, “dobbiamo guardare francamente la realtà dello scenario internazionale, e far convergere a Palermo 30 paesi significa esporre questo incontro a qualche fibrillazione e alle particolari sensibilità tra alcuni paesi. Dobbiamo anche accettarle”, ha aggiunto.

Haftar, che però ha disertato la plenaria, è subito ripartito dall’Italia. Secondo fonti diplomatiche, durante l’incontro il generale avrebbe assicurato che Sarraj potrà restare al suo posto fino alle elezioni. “Non si cambia cavallo mentre si attraversa il fiume”, avrebbe detto Haftar ad al Sarraj.

Le stesse fonti ritengono ci sia una ‘buona possibilità’ che la Conferenza Nazionale della Libia, primo passo nella road map Onu per le elezioni, si possa svolgere a gennaio. Conte twitta: ‘L’Italia riunisce i protagonisti del dialogo’.

“Riteniamo fondamentale – ha detto il premier Conte intervenendo alla sezione plenaria della Conferenza di Palermo – cogliere questa occasione per sostenere il cessate il fuoco a Tripoli e facilitare le discussioni per l’attuazione dei nuovi assetti di sicurezza che abbiano come obiettivo il superamento del sistema basato sui gruppi armati. In questa sede la Comunità internazionale potrà anche esprimere un sostegno concreto alla creazione e al dispiegamento di forze di sicurezza regolari”.

“Dobbiamo fare in modo che gli esiti di questa Conferenza e lo spirito di Palermo, mi piace chiamarlo così, non si esauriscano oggi – ha detto ancora il premier – e qui, bensì si traducano in un impegno concreto a portare avanti l’agenda con costanza e determinazione. L’Italia continuerà ad assicurare il suo massimo impegno e mi auguro che tutti i partecipanti possano fare altrettanto”. Conte, in merito a richieste di “assistenza tecnica, anche sul piano del training”, ha evidenziato che il governo “farà la sua parte”.

“Il meeting informale di stamattina” a margine della Conferenza sulla Libia di Palermo “è stato presentato come un incontro tra i protagonisti del Mediterraneo. Ma questa è un’immagine fuorviante che noi condanniamo. Per questo lasciamo questo incontro profondamente delusi”, ha detto il vicepresidente turco Fuat Oktay lasciando Villa Igiea a lavori non ancora conclusi. “Qualcuno all’ultimo minuto ha abusato dell’ospitalità italiana”, ha aggiunto senza mai nominare il generale Khalifa Haftar. “Sfortunatamente la comunità internazionale non è stata capace di restare unita”. affaritaliani.it